Fai conoscere i tuoi prodotti o servizi

Promuovere prodotti e servizi nel mondo digitale.

Ci siamo confrontati più volte, abbiamo analizzato a fondo la proposta, il mercato, i concorrenti, il prezzo, i punti forti e i punti deboli, le opportunità e i pericoli. Abbiamo definito target, obiettivi e approfondito tutto quanto nel marketing è opportuno fare.

Ora che abbiamo tutte le informazioni, siamo anche consapevoli di quanto le attività di promozione si siano ormai spostate nel web e nel mondo digitale.
Il nostro sito di e-commerce è pronto. È stato realizzato nel migliore dei modi. Aspetta solo di essere visitato e di ricevere ordini. È arrivato finalmente il momento del web marketing.

È un momento magico, di grande creatività, di fantasia e inventiva, ma anche di analisi, approfondimenti e tecnicismi. Come possiamo procedere? Quali sono le attività che dobbiamo fare? Quale il budget che dobbiamo investire? Quali strumenti dobbiamo usare? A tutte queste domande risponde in modo empatico il reparto di web marketing di Teamecommerce.

Riassumendo, gli obiettivi sono sostanzialmente due: trovare dei clienti e trattarli bene. Per ottenere questi risultati utilizziamo le regole del funnel (che ci permette di trovare lead qualificati) e quelle del flywheel (che ci spiega come coinvolgere positivamente e attivamente i clienti acquisiti). La metodologia che utilizziamo si basa sulle campagne di comunicazione. Si tratta sostanzialmente di preparare dei messaggi e di distribuirli utilizzando diversi canali digitali.

IL PIANO EDITORIALE

Tutto parte dal piano editoriale. È un documento programmatico, preparato con un anticipo di almeno 3 – 4 mesi (ma spesso addirittura annuale) che prevede i diversi messaggi trasferiti ai possibili clienti o ai clienti già acquisiti. Si tratta di un momento estremamente importante. Da qui parte tutto.
Una corretta gestione della proposta condizionerà il lavoro di tutto il gruppo e il successo delle attività. I contenuti del piano editoriale possono essere i più disparati (sconti, promozioni, presentazioni nuovi prodotti, auguri, celebrazioni, presentazioni, concorsi…) ed è molto importante osservare il mercato e la concorrenza per costruire un percorso comunicativo che sia adeguato e funzionale.

LE LANDING PAGE

La traduzione di landing page (pagine di atterraggio) rende davvero molto bene il senso della loro funzione. È essenziale creare delle pagine che spieghino al meglio il dettaglio della comunicazione. Tali pagine possono essere inserite sia sul sito (in una pagina dedicata o nella sezione news o nel blog), che al di fuori di esso, ma in ogni caso sono la destinazione finale delle comunicazioni spesso brevi, riassuntive e succinte fatte tramite i canali del web marketing.
Le landing page sono misurate e analizzate con software molto evoluti che ci restituiscono informazioni statistiche molto importanti.

LA FASE OPERATIVA: CANALI, MEZZI E ATTIVITÀ DI WEB MARKETING

L’oggetto della comunicazione è chiaro. La pagina di atterraggio (una o più) è pronta. Il sito è in attesa di ricevere ordini. È il momento di farci conoscere. Come possiamo farlo praticamente? La prima cosa da fare è ottimizzare le landing page e le altre pagine del sito collegate (che trattano quello specifico argomento): si tratta di operazioni tecniche che hanno a che fare con il SEO (Search Engine Optimization). Bisogna individuare le parole chiave più interessanti e lavorare su queste affinché piacciano ai motori di ricerca (Google in particolare).
Successivamente, se abbiamo un elenco di destinatari, possiamo creare delle newsletter (DEM: Direct Email Marketing) a cui trasmettere il nostro messaggio. Un’altra importante attività consiste nel gestire comunicazioni popup ai clienti che le hanno accettate (push notification). È molto importante che anche questi messaggi convergano verso la landing page.
Interessante anche la gestione di Google My Business, all’interno del quale si possono gestire comunicazioni e post. Fondamentale è chiaramente l’utilizzo dei social network che ormai permeano la vita sociale di tutti e sono un canale di comunicazione essenziale e importantissimo.
Un’ulteriore e davvero necessaria attività consiste nella presenza su altri portali web di informazioni che riportino alla nostra pagina di atterraggio e che siano inserite in articoli, redazionali, blog, portali, giornali online, siti di portali di settore, partner, di clienti o di fornitori: si tratta degli importantissimi reverse link che ci aiuteranno molto a raccogliere visite e a migliorare il ranking SEO del nostro sito.
Un’attenzione speciale va poi dedicata alla pubblicità a pagamento. Questo mondo ha fatto la fortuna di colossi quali Google e Facebook che sono in grado di portarci molto beneficio se usufruiamo dei loro servizi promozionali a pagamento che in gergo vengono chiamati PPC (Pay Per Click): è un mondo complesso e affascinante che se ben gestito può portare sulle nostre landing page moltissimi visitatori interessati. Questi sono i principali canali, mezzi e attività del web marketing, ma ne esistono davvero molti altri.

LA PREPARAZIONE DELLE CAMPAGNE DI WEB MARKETING

È importante sapere che ogni campagna di comunicazione deve coinvolgere tutti i canali ed è molto impegnativa. Diversi professionisti devono intervenire per preparare le grafiche, i contenuti testuali, le traduzioni, tutte le attività di programmazione, di preparazione degli strumenti e dei software, etc… Per questo ogni campagna deve essere preparata con largo anticipo (almeno 2 – 3 settimane prima del lancio).

LA MISURAZIONE

Tutto quello che accade durante una campagna può e deve essere misurato. Abbiamo meravigliosi strumenti che ci permettono di analizzare il comportamento degli utenti e di restituirci informazioni preziose. Per il nostro progetto, possiamo individuare dei valori o parametri importanti (KPI Key Performance Indicator) e monitorarli con particolare attenzione.

ANALISI

Tutti i dati raccolti (anche in real time) saranno oggetto di profonda analisi; in particolare, valutando i KPI, si cercherà di capire quali risultati sono stati raggiunti e quali no.
Queste informazioni preziosissime saranno passate a chi si occupa di strategia.

TUNING

La fase finale consiste nel leggere i dati (DATA ANALYST) e apportare quelle modifiche nelle azioni di digital marketing che si ritengono necessarie. Questo è l’approccio del “DATA DRIVEN MARKETING” che anche noi condividiamo e che prevede una continua ottimizzazione (tuning) delle attività per ottenere i migliori risultati possibili (conversion rate): si parla in questo caso di CRO (Conversion Rate Optimization).

Tutto questo (e moltissimo altro ancora) è fare web marketing e a noi piace molto.